News

Riconoscimento facciale: Facebook acquista Face.com

Il noto social network disporrà di una tecnologia in grado di "taggare" i suoi iscritti attraverso il riconoscimento facciale dei tratti somatici. La cifra dell'accordo con Face.com non è stata rivelata, così come il destino del sito acquisito. Intanto l'azienda risale in borsa, ma è ancora lontana dalle cifre di quotazione.

L'acquisizione era nell'aria: Facebook prosegue l'opera di ampliamento delle sue funzioni attraverso l’acquisto di Face.com, un servizio di riconoscimento facciale che permetterà di identificare e taggare i soggetti ritratti nelle fotografie pubblicate sul social network.

La tecnologia di Face.com aiuterà gli utenti di Facebook a riconoscere l'identità delle persone presenti nelle foto, indicando al social network dove e quando l'utente apparirà nelle immagini, contribuendo in tal modo a definire meglio il suo profilo sociale e la sua attività on-line. Il servizio di riconoscimento vocale di Face.com "ci ha aiutato a fornire un'esperienza fotografica migliore", ha specificato l'azienda di Mark Zuckerberg in un comunicato stampa. "Questa acquisizione ci porta in casa una squadra di livello mondiale".

La società israeliana - già partner del noto social network - ha confermato l’acquisizione sul blog aziendale, affermando che "lavorare direttamente con Facebook e unirci alla loro squadra ci darà più opportunità di costruire un prodotto apprezzato dai consumatori. E' tutto quello che abbiamo sempre voluto". Face.com però non ha chiarito se il suo sito continuerà a essere attivo. Solitamente, infatti, Facebook chiude i siti che acquista, assumendo anche i dipendenti di quelle compagnie; finora solo Instagram, in corso di acquisizione per la cifra di un miliardo di dollari, ha costituito un'eccezione.


Facebook compra Face.com, il noto sistema di riconoscimento facciale


Va detto però che proprio la tecnologia di Face.com è stata oggetto di lamentele e severe analisi da parte degli organi regolatori statunitensi ed europei, preoccupati delle possibili violazioni alla privacy connesse con il riconoscimento facciale.

Proprio a fronte delle riserve sollevate dagli organi regolatori, il social network ha introdotto la possibilità di opt out per gli utenti: utilizzando gli strumenti di impostazione della privacy, gli utenti possono decidere di non utilizzare il tagging automatico delle fotografie.

Al contrario di quanto avvenuto con Instagram, i termini dell'accordo non sono stati resi noti e la somma di acquisizione del noto sistema di riconoscimento facciale rimane ancora sconosciuta. A un mese dalla quotazione Facebook può comunque festeggiare un aumento del titolo dell’11%, anche se il valore è ancora sotto il prezzo fissato nella "initial public offering".

Attraverso Face.com Facebook renderà lo sharing ed il tagging ancora più semplice ed immediato, contribuendo a rendere più “social” la presenza on line dell’utente. Un altro passo in avanti verso la costruzione di un ecosistema fotografico declinato per l’ambito mobile.

Vedi l'intervista a David Benoit su News Hub

DOWNLOAD BROCHURE

Scarica la nostra brochure aziendale

brochure

RICHIESTA INFORMAZIONI

Vuoi maggiori informazioni sulla nostra azienda e i nostri servizi? Scrivici o richiedi un preventivo personalizzato: troveremo la soluzione adatta alla tua azienda!

contattaci subito!

 

CI PIACE CONDIVIDERE LE NOVITA', SOLO QUANDO SERVE!