News

Pubbliche amministrazioni: Al via la fatturazione elettronica

fattura elettronica

Via libera alla fatturazione elettronica. Le Pubbliche Amministrazioni saranno obbligate ad accettare solamente le fatture in formato digitale.

Il decreto impone alle amministrazioni l’obbligo di accettare esclusivamente fatture in formato digitale. Il relativo pagamento potrà essere evaso solamente dopo la ricezione del documento in forma elettronica.

I fornitori della Pubblica Amministrazione dovranno obbligatoriamente gestire il ciclo di fatturazione, esclusivamente in modalità elettronica, dall’emissione alla conservazione.


Fatturazione elettronica: cos’è?

La  fattura elettronica è un documento in formato elettronico che dovrà essere conservato sia dall’emittente sia dal ricevente, contenente data e firma digitale, garantendo in questo modo tutti i requisiti di autenticità previsti dal Dm 23 gennaio 2004.

Nulla ha a che vedere con il classico invio di file allegati via e-mail, contenenti la fattura in vari formati. Se non viene emessa secondo quanto previsto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, viene considerata come una semplice documentazione analogica.

Le pubbliche amministrazioni rientranti nel provvedimento

Nell’articolo 10 del Dl 201/2011 è dettagliatamente precisato quali sono le pubbliche amministrazioni (anche locali) che rientrano nel provvedimento.
Si tratta di tutti i soggetti, anche autonomi che, secondo l'articolo 1, comma 2 della legge 196/2009, concorrono al perseguimento degli obiettivi di finanza pubblica definiti in ambito nazionale e che sono inseriti nel conto economico consolidato e individuati entro il 30 settembre di ciascun anno nell'elenco Istat.

Le specifiche tecniche

XML, questo è il formato previsto per la fattura. La trasmissione delle fatture avverrà attraverso il sistema di interscambio (SDI) gestito dall’agenzia delle Entrate.
Il documento dovrà contenere, le informazioni obbligatorie per legge, le indicazioni relative al trasmittente con relativo identificativo fiscale, numero di invio e di trasmissione e codice identificativo dell’amministrazione alla quale è destinata.

Tempistica

Gli organismi come ministeri, agenzie fiscali ed enti nazionali di previdenza e assistenza sociale avranno a disposizione 12 mesi per organizzare le procedure, mentre 24 mesi per le altre amministrazioni incluse nell'elenco Istat.  Per quanto riguarda le amministrazioni locali, la data di decorrenza sarà determinata con DM dell'Economia.

DOWNLOAD BROCHURE

Scarica la nostra brochure aziendale

brochure

RICHIESTA INFORMAZIONI

Vuoi maggiori informazioni sulla nostra azienda e i nostri servizi? Scrivici o richiedi un preventivo personalizzato: troveremo la soluzione adatta alla tua azienda!

contattaci subito!

 

CI PIACE CONDIVIDERE LE NOVITA', SOLO QUANDO SERVE!