News

Black List

Il software gestionale EasyCo, a partire dalla versione 5.8.23.1, include la nuova procedura per la  trasmissione  telematica  delle Operazioni  con  Soggetti  aventi  Sede,  Residenza  o Domicilio in Paesi a fiscalità privilegiata, denominata “Black List”. Le regole operative per la fornitura sono state indicate dal Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 28.5.2010, mentre la circolare n. 53/E  del 21/10/2010 ha fornito ulteriori chiarimenti sulle operazioni   oggetto di comunicazione.

Avvertenze
La circolare 53/E ha evidenziato tra l’altro quanto segue:
Il  D.M.  5  agosto  2010  estende  l’obbligo  di  comunicazione  anche  alle  prestazioni  di  servizi territorialmente  non  rilevanti  nello  Stato  agli  effetti  IVA,  effettuate  nei  confronti  di  operatori economici stabiliti in Paesi black list o ricevute dai soggetti medesimi … Sebbene tali operazioni non siano soggette ad IVA per carenza del requisito territoriale, le stesse assumono particolare rilievo nella prevenzione e nel contrasto delle frodi IVA negli scambi con l’estero.

Le operazioni non rilevanti ai fini IVA non  vengono attualmente estratte dal gestionale EasyCo, ma devono essere aggiunte manualmente (vedi più avanti il capitolo “Forzature manuali”).

A tal proposito è importante sottolineare che i dati estratti dal gestionale sono solo un punto di partenza per la preparazione della dichiarazione: devono infatti essere controllati  ed  eventualmente  integrati  dall’utente,  che  se  ne  assume  la  completa responsabilità  nel momento della trasmissione.

Operazioni Preliminari
Prima  di  procedere  alla  preparazione  della  comunicazione  è  necessario  specificare  alcune informazioni in determinate tabelle di EasyCo:
-Tabella Nazioni
L’estrazione dei clienti / fornitori da considerare nella dichiarazione si basa sulla nazione di appartenenza;  pertanto è  necessario  indicare in Tabelle  Generali -  Tabella Nazioni – quali nazioni  rientrano nella black-list, selezionando l’opzione “Paese incluso nella Black List” e impostando il “Codice Stato” di riferimento dell’Agenzia delle Entrate.
-Tabella Aliquote IVA
Per  le  aliquote  IVA  coinvolte  nella  dichiarazione  black-list  è  necessario  impostare l’informazione  Tipo  Imponibile,  scegliendo  tra  i  valori  I  =  Imponibile,  N  =  Non Imponibile, E = Esente, X = Escluso.

Presentazione Elenchi “Black List”
La procedura per la preparazione della dichiarazione si trova nel menù Contabilità – Servizi.
Le opzioni relative alla presentazione del file e alle modalità di estrazione dei dati devono essere indicate utilizzando il bottone “Opzioni”, posizionato in alto  a destra della maschera  accanto al bottone per la preparazione del file.
Nella finestra opzioni è possibile indicare:
- Il codice fiscale dell’intermediario, se presente;
- Il numero d’iscrizione all’albo dei CAF (solo se si tratta di un CAF);
- Il  tipo  di  comunicazione:  1  =  Predisposta  dal  contribuente,  2  =  Predisposta  da  chi effettua  l’invio (dato obbligatorio se presente il codice fiscale  dell’intermediario). Poichè il dischetto è preparato dal programma del contribuente, questa informazione dovrebbe essere sempre uguale a 1;
- La data dell’impegno (dato obbligatorio se presente il codice fiscale dell’intermediario)
- La causale contabile utilizzata per la registrazione delle bolle doganali (vedi più avanti la sezione Bolle Doganali)
L’utente può eseguire l’estrazione dei dati in base ai seguenti parametri:
- Per Periodo /  Per Data: la  dichiarazione deve essere presentata per periodo,  mensile  o trimestrale, a  seconda  che sia stata  superata o meno  nel trimestre la  soglia  dei 50.000 Euro, anche in una sola delle categorie di operazioni.
L’estrazione  per  data  non  consente  la  preparazione del file  telematico,  ma  può  essere utile per eseguire controlli o estrarre periodi più ampi del trimestre.
- Data  Doc.  /  Data  Reg.:   la  dichiarazione  deve  essere  presentata  considerando  la  data registrazione,  ma  anche  in  questo  caso  è  possibile  estrarre  i  dati  in  base  alla  data documento per eseguire eventuali verifiche prima dell’estrazione ufficiale.
- Opzioni  sulla  Comunicazione:  è  necessario  indicare  eventuali  casi  particolari,  come  ad esempio  la  preparazione  di  una  dichiarazione  integrativa  /  correttiva  di  un  periodo  già presentato, oppure la variazione della periodicità (da mensile a trimestrale o viceversa).
Con  la  pressione  del  bottone  “Estrai”  la  procedura  calcola  ed  espone  a  video  in  due  pagine distinte l’elenco delle Vendite e degli Acquisti che si riferiscono al periodo indicato.
Ogni posizione è organizzata su due livelli:
1. Il  primo livello    quello  ufficiale, che  sarà  trasmesso  in  via  telematica  all’Agenzia delle Entrate. Ogni  riga di questo livello contiene: un soggetto cliente / fornitore, identificato univocamente  dalle  informazioni  Partita  IVA  +  Codice  Fiscale,  e  una  serie  di  importi totali riferiti al soggetto stesso nel periodo indicato.
Nel  caso  in  realtà  abbastanza  frequente  in  cui  Partita  IVA  e  Codice  Fiscale  siano entrambi  vuoti  (soggetti  extra-cee),  il  singolo  soggetto  è  identificato  in  base  alla Ragione Sociale.
Nel caso  in cui il  soggetto sia  allo stesso tempo cliente e fornitore, sprovvisto di Partita IVA  e Codice  Fiscale,  è  opportuno  verificare  che  la  ragione  sociale  sia  identica nell’anagrafica  cliente  e  fornitore,  onde  evitare  che  siano  dichiarate  come  posizioni distinte.
Le righe di primo livello sono visualizzate in colore NERO.
Facendo click sul simbolo +, posto all’inizio della riga, si accede al livello successivo.
2. Il  secondo  livello  contiene  l’elenco  dei  documenti  originari  che  hanno  concorso  alla formazione degli importi esposti per ogni soggetto di livello 1.
Lo scopo di questo livello è chiaramente quello di facilitare i controlli da parte dell’utente prima della presentazione ufficiale. Le righe di secondo livello sono visualizzate in colore GRIGIO e mostrano,  oltre  alle  colonne degli  importi,  anche gli estremi  dei  documenti interessati (data, numero e sigla).

Descrizione dei dati estratti
I valori vengono disposti nelle varie  colonne in base all’informazione “Tipo Imponibile” indicata nelle  aliquote  IVA  coinvolte.  Per  i  dettagli  sul  contenuto  di  ogni  colonna  e  le  istruzioni  di compilazione vi rimandiamo alla documentazione dell’Agenzia delle Entrate.
L’ultima colonna “NON INDICATO” serve solo per controllo: contiene infatti gli importi relativi ad operazioni  non  classificabili  in  nessuna  tipologia  prevista.  Se  questa  colonna  è  valorizzata, significa  che per  uno  o  più  aliquote  IVA  non  è stato  indicato il Tipo  Imponibile  corretto (vedi Tabella Aliquote).

Bolle Doganali
Un  discorso a  parte  meritano le bolle  doganali,  che  devono  far  parte  della  dichiarazione  se  si riferiscono ad acquisti effettuati da fornitori “black-list” nel periodo richiesto.
Gli importi da indicare – Imponibile ed IVA – devono essere rilevati dalla bolla doganale, mentre il fornitore di riferimento è quello della relativa fattura di acquisto.
Prima  della  versione  5.8.24.1  non  esisteva  in  EasyCo  un  collegamento  diretto  tra  la registrazione  della  bolla  doganale  e  la  registrazione  della  fattura  di  acquisto;  pertanto  la procedura  di  estrazione  dati  black-list  estraeva  tutte  le  bolle  doganali  del  periodo,  lasciando all’utente  l’onere  di  indicare  per  ognuna  di  esse  il  fornitore  corretto,  ed  eventualmente  di escludere le bolle doganali per cui non sussisteva l’obbligo di comunicazione.
A partire dalla versione 5.8.24.1, invece, è stata introdotta in Gestione Prima Nota la possibilità di creare questo collegamento:  nella  registrazione della bolla doganale, nella pagina  “7  – Altre
Info”,    sufficiente  indicare  gli estremi  (Data  e  Numero  Registrazione)  della  relativa fattura di acquisto.
Per  gli  utenti  che,  anziché  annotare  singolarmente  le  registrazioni  previste  per  l’acquisto  con bolla  doganale  (bolla  doganale,  giroconto,  fattura  acquisto  estero,  fattura  spedizioniere)  si avvalgono della procedura integrata “Bolle Doganali”, il collegamento tra la bolla doganale e la fattura di acquisto viene eseguito automaticamente.

Fatture di Servizi
Prima della  versione  5.8.24.1  EasyCo  non era  in  grado  di  distinguere le  registrazioni  di Prima Nota  che  si  riferivano  ad  acquisti/vendite  di  beni  oppure  di  servizi;  pertanto  la  procedura  di estrazione  dati  black-list  compilava  sempre  ed  esclusivamente  le  colonne  relative  ai  beni, lasciando all’utente l’onere di suddividere gli importi tra le colonne beni e servizi, se necessario.
A partire dalla versione 5.8.24.1, invece, è stata introdotta in Gestione Prima No ta la possibilità di indicare, nella pagina “7 – Altre Info”, se la fattura in oggetto si riferisce a servizi. Naturalmente questa  informazione  viene aggiornata  automaticamente  per le fatture registrate in Gestione Documenti con l’indicazione “Fattura di Servizi”.

Forzature manuali
Ogni  riga  della  struttura  che  contiene  i  dati  estratti  può  essere  selezionata  /  deselezionata mediante  l’apposito  segno  di  spunta,  disponibile  all’estrema sinistra: solo le righe  selezionate, ed  aventi  almeno  un  valore  indicato,  vengono  considerate  nei  Totali  (intermedi  e  generali)  e sono incluse nella presentazione.
In  pratica  è  possibile  escludere  manualmente  dalla  presentazione  uno  o  più  soggetti,  oppure uno o più documenti singoli.
Poiché i dati estratti da EasyCo potrebbero essere incompleti oppure non disposti correttamente nelle varie colonne,   data la facoltà all’utente di eseguire forzature manuali di tutti gli importi. È possibile agire solo sulle righe di livello 2. In particolare, esistono tre tipi di forzatura:
a) Inserimento  di  una  nuova  riga:  con  un  doppio  click  del  mouse  su  una  zona  “bianca” dell’Elenco,  oppure  scegliendo  la  voce  “Inserimento  Nuova  Forzatura”  dal  menu contestuale  (click  destro), si  apre  la  maschera  per  l’inserimento  di  una  nuova  riga.  E’ possibile  specificare  l’intestatario,  gli  estremi  del  documento  e  gli  importi.  Le  righe inserite manualmente sono evidenziate in colore BLU CHIARO.
b) Modifica  di  una  riga  già  esistente:  con  un  doppio  click  del  mouse  sulla  riga  che  si desidera modificare, oppure posizionandosi su di essa con il mouse e scegliendo la voce “Modifica  Forzatura”  dal  menu  contestuale  (click  destro),  si  accede  alla  maschera  di modifica. Se la riga era già presente in fase di estrazione, sarà possibile modificarne solo l’intestatario e gli importi, e in seguito sarà evidenziata in colore BLU ; se invece si tratta di  una riga  “nuova”  inserita dall’utente, si potranno modificare anche l’intestatario e gli estremi del documento, e sarà evidenziata in colore BLU CHIARO.
c) Cancellazione di una Forzatura: accedendo alla maschera di modifica come nel punto b), per cancellare  la forzatura è sufficiente cliccare  sul tasto “Cancella”;  dopo una richiesta di conferma la forzatura sarà eliminata. Lo stesso risultato si ottiene anche posizionando il mouse  sulla  forzatura da  eliminare e scegliendo la  voce “Cancellazione Forzatura” dal menu contestuale (click destro).
Se la riga era stata inserita manualmente dall’utente sarà cancellata definitivamente; se invece la forzatura consisteva in una variazione eseguita su un documento registrato, la riga ricomparirà con i dati originari in colore grigio.
Una volta apportate tutte le modifiche, è possibile memorizzarle in modo permanente mediante il primo bottone della seconda riga in alto a destra (icona mano che scrive).
È  possibile  anche  cancellare  tutte  le  forzature  mediante  il  secondo  tasto  (icona  cestino),  per ritornare alla situazione iniziale estratta dalla contabilità.
Se  si  eseguono  modifiche  e  si  dimentica  di  salvarle,  ad  esempio  lanciando  nuovamente l’estrazione  oppure  uscendo  dalla  procedura,  il  programma  mostra  un  messaggio  di  avviso  e attende una conferma per proseguire.

Stampa – Invio ad Excel
La  dichiarazione  visualizzata  può  essere  inviata  ad  Excel  o  ad  un  file  .CSV,  con  la  consueta funzione  richiamabile  dal  menù  contestuale  (click  con  il  tasto  destro  del  mouse  sull’elenco stesso).
Nello stesso  menù  contestuale  sono  disponibili  anche  le  funzioni “Espandi Tutto” e “Comprimi Tutto”,  che  permettono  rispettivamente di  visualizzare tutti i livelli (livello  1 e  2) oppure solo  il livello ufficiale (livello 1).
Ad Excel vengono inviati solo i dati visualizzati; pertanto si consiglia di espandere o comprimere completamente  l’elenco  prima  dell’invio,  per  evitare  che  venga  esportata  solo  una  parte  delle righe di dettaglio presenti (livello 2).
L’invio ad  Excel si rivela uno strumento ideale sia  per  la  stampa  della dichiarazione che per la
sua archiviazione prima dell’invio telematico.

Preparazione file per l’invio telematico
La preparazione del file contenente la dichiarazione avviene premendo il bottone posizionato in alto a destra, riconoscibile dall’icona che rappresenta un dischetto.
Il programma consente di selezionare una destinazione  per il  file, che può essere una qualsiasi cartella del disco fisso oppure un supporto rimovibile esterno (es: floppy disk A:).
Il  file  contenente  la  dichiarazione  viene  denominato BLACK_LIST_AAAA_XNN.TXT,  dove AAAA    l’anno  di  presentazione,  X    la  periodicità  (T  =  trimestrale,  M  =  mensile),  NN    il periodo cui si riferisce la presentazione.

Tutti  gli  importi  degli  elenchi  a  video  (livello  1)  sono  inclusi  nella  comunicazione senza  decimali,  arrotondati  all’unità  di  Euro  (fino  a  49  centesimi  di Euro  all’unità inferiore  e  da  50  centesimi  all’unità  superiore).  Di  conseguenza  anche  i  Totali Generali vengono ricalcolati e potranno differire da quelli visualizzati.

Trasmissione dati
La  trasmissione  dei  dati  può  avvenire direttamente mediante  il  servizio telematico Entratel o Fisconline.  In  alternativa  è  possibile  avvalersi  dei  soggetti  autorizzati  alla  fornitura (commercialisti,  CAF,  …),  ai  quali  deve  essere  consegnato  il  file BLACK_LIST_AAAA_XNN.TXT preparato dalla procedura. In quest’ultimo caso   obbligatorio compilare i dati dell’intermediario nella maschera Opzioni di presentazione.
Per  le  modalità  di  utilizzo  del  servizio  Entratel  e  Fisconline  vi  rimandiamo  alle  istruzioni disponibili on-line sul sito dell’Agenzia delle Entrate .


DOWNLOAD BROCHURE

Scarica la nostra brochure aziendale

brochure

RICHIESTA INFORMAZIONI

Vuoi maggiori informazioni sulla nostra azienda e i nostri servizi? Scrivici o richiedi un preventivo personalizzato: troveremo la soluzione adatta alla tua azienda!

contattaci subito!

 

CI PIACE CONDIVIDERE LE NOVITA', SOLO QUANDO SERVE!